Primo Levi. Se questo é un uomo

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

ph Tommaso Le Pera

sabato 2 novembre, ore 21 e domenica 3 ore 16 - Teatro Galli - FUORI ABBONAMENTO

spettacolo per il centenario della nascita di Primo Levi


La voce di Primo Levi è la voce che più di ogni altra ha saputo parlare di Auschwitz: la voce che da oltre settant’anni, dalla pubblicazione di Se questo è un uomo, una delle prime testimonianze sui campi di concentramento nazisti, racconta ai lettori di tutto il mondo la verità sui crimini perpetrati nei lager e sullo sterminio degli ebrei. È una voce dal timbro inconfondibile, mite e salda: «considerate che questo è stato». Nel centenario della nascita di Levi Valter Malosti, direttore del TPE - Teatro Piemonte Europa, firma la regia e l’interpretazione di Se questo è un uomo portando per la prima volta in scena direttamente la voce di questa straordinaria opera memorialistica che Primo Levi scrisse nel corso del 1946, ispirandosi alla sua tragica esperienza di prigioniero ebreo nell'inferno di Auschwitz. Una voce che nella sua nudità sa restituire la babele del campo: i suoni, le minacce, gli ordini, il rumore della fabbrica di morte.